Frosinone Cassino prima e dopo il 1943 anni

WORLD WAR TWO FROSINONE

WORLD WAR TWO FROSINONE

WORLD WAR TWO FROSINONE


Nel tardo pomeriggio del giorno 11 settembre, allo scalo ferroviario giungono alcuni treni sovraccarichi di truppe, carri armati, cingolati di ogni tipo, camion e cannoni, tutti con i colori dell’Afrika Korp che vanno rapidamente a nascondersi presso l’aeroporto, le fornaci di Brighi e le campagne circostanti. A decidere le modalità e realizzare l’attacco aereo sono gli inglesi della Royal Air Force che prediligono le azioni notturne. Il Moscardini fu colpito con precisione e pesantemente, aerei ed infrastrutture in frantumi. La popolazione, ancora residente, fu terrorizzata a causa delle esplosioni della contraerea, bombe a grappoli, tante luci di colore arancione, rumori assordanti di ogni tipo, urla isteriche dovute alla paura di restare sotto le tante case crollate, una vera bolgia infernale. Erano circa le 21 e l’incursione durò per almeno mezzora. Il mattino successivo, 12 settembre, a completare l’opera di distruzione sono gli americani, costoro prediligono le azioni diurne, con una grossa formazione di quadrimotori Boeing B.17, che ad ondate successive colpiscono la città, l’aeroporto e lo scalo ferroviario compresi due treni in sosta. Settanta avieri tedeschi perdono la vita e saranno sepolti parte sul retro della cappella centrale del cimitero cittadino e parte in un terreno adiacente l’Abbazia Casamari. Anche numerosi frusinati perdono la vita perché colti di sorpresa nell’opera di soccorso e risoluzione dei danni provocati dall’azione notturna precedente. Fortunati coloro che raggiunsero in tempo i “tunnel ” di piazza Gramsci e di viale Roma.[Fonte: Il Tempo]